Visualizzazione post con etichetta politometro. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta politometro. Mostra tutti i post

sabato 9 agosto 2014

Senato abolito? Subito il politometro!

Si trova un po' di tutto nelle dichiarazioni patrimoniali di coloro che, con molta probabilità, saranno ricordati dai posteri come gli ultimi Senatori della Repubblica: chi colleziona auto d'epoca, chi ha aperto una catena di agriturismo e chi passa il tempo ad acquistare redditizie azioni di multinazionali in giro per il mondo, per non dire di barche, terreni, fabbricati e macchine sportive.

C'è persino chi, pur amando le automobili non sopporta il traffico, come Donato Bruno (FI), proprietario di un'Alfa 160, una Porsche, una Mercedes ed una Smart Coupè, ma anche di una Vespa, che è l'unico mezzo che gli permette di muoversi a Roma: sempre meglio del “tradimento ideologico” operato dal collega di partito Vincenzo Gibiino, presidente del Ferrari Club Italia, intestatario di una Maserati e di una Porsche.

Ma non v'è dubbio che, di questi tempi, è sempre meglio buttarsi su realtà solide come il “mattone”, come deve aver pensato anche Luciano Rossi (Ncd), già presidente della Federazione Italiana Tiro a Volo, al quale risultano intestati la bellezza di 108 tra fabbricati e terreni, oltre a 2 Mercedes e 2 Bmw: numeri, questi, da far impallidire anche Luigi Marino (Gruppo per l'Italia), 21 immobili tra case e autorimesse, o Andrea Marcucci (Pd) con i suoi 20 fabbricati e terreni, 9 partecipazioni in varie società ed incarichi in altre 12, un'Aston Martin e una barca a vela.

Anche a Nicolò Ghedini, meglio noto come l'avvocato di B., le cose non vanno di certo male, con 18 fabbricati, 5 terreni (tutti in Veneto), 3 agriturismi e l'inseparabile Audi 8: sempre meglio della "riformatrice" Anna Finocchiaro (Pd), che si accontenta di soli 10 appartamenti, 10 partecipazioni societarie e di un'Alfa Mito, ma peggio della neorenziana Emma Fattorini (Pd), proprietaria di 30 terreni tra Lipari ed Orvieto e 10 case sul litorale di Cervia.

Prima di lasciare i propri scranni a sindaci ed assessori regionali, non sarebbe il caso di sottoporre gli ex senatori al politometro? Anche perchè, giunti a questo punto, saremmo davvero molto curiosi di sapere: a quanto ammontava il loro patrimonio, qualche anno prima di intraprendere la carriera politica?