Visualizzazione post con etichetta Fondi europei. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Fondi europei. Mostra tutti i post

sabato 29 marzo 2014

Fondi europei come #la pizza quattro stagioni

I Fondi europei hanno cicli lunghi ognuno sette anni e ogni volta, qui in Italia, i vari responsabili politici li hanno spesi tardi e male, tanto che da noi i piani di spesa si sono da sempre caratterizzati per una sorta di affinità elettiva con #la pizza quattro stagioni: l'Annuncio, il Letargo, la Corsa e, infine, la Delusione.

E' ormai da vent'anni che sta accadendo, a partire dal ciclo 1994-1999, ripetuto con Agenda 2000 (2000-2006), mentre per quanto riguarda gli ultimi sette anni (2007-2013) siamo passati dal Letargo alla Corsa: dove la caratteristica peculiare della Corsa è quella di concentrarsi sulla quantità di spesa, a totale discapito della necessaria qualità dei progetti.

Dalla fase della Corsa a quella della Delusione, il passo non può che essere breve: è solo allora che quei politici mentitori (che sanno di mentire) si lamentano della pochezza dei risultati e dell'occasione perduta (per colpa di chi?), per approdare come nulla fosse alla cosiddetta fase dell'Annuncio, con tanto di rassicurazione pubblica che con il ciclo successivo si eviteranno gli errori del passato.

Per poi cadere, ahinoi, nel Letargo: a fine 2010, per intenderci, nemmeno il 10% dei Fondi europei a disposizione dell'Italia era stato speso, a fronte di ben undici programmi-lumaca, tra i quali due Pon (Programmi operativi nazionali) su Ricerca e Sviluppo e Reti di Mobilità, altri due Poin (Programmi operativi interregionali) su Attrattori culturali ed Energia e, infine, ben sette Por (Programmi operativi regionali), cioè quelli di Campania, Puglia, Calabria, Sicilia, Abruzzo, Lazio e Friuli Venezia Giulia.

Finchè, a seguito della reprimenda del Commissario europeo per le Politiche regionali, l'austriaco Johannes Hahn, i politici nostrani hanno deciso di entrare ancora una volta nella stagione della Corsa, con l'unico obiettivo di certificare la spesa per incassare i contributi europei: per fortuna uscire dal Letargo, per entrare finalmente nella Primavera sarà presto possibile, grazie alla ventata di onestà e di sana progettualità che il M5S promette di portare a Bruxelles, fin dal prossimo mese di maggio. #Vinciamonoi.