venerdì 12 luglio 2013

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRARE UNA CASA ALL'ASTA ED EVITARE BRUTTE SORPRESE

In tempi di crisi nera del mercato immobiliare, quali sono quelli che stiamo vivendo, appare in continuo aumento il numero di coloro che si avvicinano al mondo delle aste giudiziarie con la speranza di poter realizzare un affare, cosa che non sempre purtroppo avviene.
Vediamo insieme alcuni consigli utili per muoverci all'interno di questo particolare settore, cercando di evitare le brutte sorprese.

Innanzitutto è bene sapere che le aste non sono tutte uguali, possono essere con o senza incanto e avere delle tempistiche molto diverse; in questo caso il principale consiglio è quello di non fissarsi solo sul prezzo.
Teniamo ben presente poi, a proposito di spesa, che non sempre i tempi delle aste e quelli delle banche vanno in sintonia.
Già le banche, in questo periodo, concedono pochi mutui in generale, ma per un'asta è ancora più complicato, poiché l'inerzia degli istituti di credito potrebbe far saltare le tempistiche necessarie.

La grande maggioranza di coloro che si avvicinano alle aste lo fa perché abbagliata dal prezzo che, il più delle volte, è davvero più basso di quelli di mercato ma, attenzione, poiché dietro ogni immobile si possono nascondere lati nascosti o complicati.
Ad esempio: l'immobile potrebbe essere occupato, oppure potrebbe essere gravato da spese, problemi questi che potrebbero incidere e non poco sul prezzo finale della sua aggiudicazione.

Per non dire dei cosiddetti “costi occulti”, rappresentati ad esempio dall'impiantistica deteriorata, dalla cancellazione dell'atto di pignoramento, da eventuali abusi edilizi da sanare.
Di tutto ciò bisogna tenere conto nel prezzo finale, che può variare di molto a seconda dell'immobile, augurandosi infine che quest'ultimo non sia addirittura completamente abusivo.

Proprio così: sembra incredibile ma il Tribunale si limita a vendere l'immobile nello stato di diritto in cui questo si trova, lasciando all'acquirente tutti i problemi relativi a difformità catastali, vani abusivi e quant'altro vada ad incidere sul costo finale.
Per conoscere davvero la situazione di un immobile messo all'asta bisognerebbe avvalersi di un'equipe formata da un avvocato, un architetto e un commercialista, almeno per comprendere quanto è riportato nel fascicolo relativo all'immobile messo all'asta.

Questo non significa necessariamente che sia impossibile l'asta fai-da-te, ma è altrettanto chiaro che bisogna avere molta fortuna e sperare che l'immobile su cui mettiamo gli occhi sia “pulito”.
Pertanto, la cosa migliore da fare prima di buttarsi anima e corpo su quello che ritenete l'affare della vostra vita, è quella di affidarsi preliminarmente alla consulenza di esperti nei settori edilizio, legale e finanziario ed essere pronti a partecipare a più aste.