giovedì 18 luglio 2013

INTERNET | WEB RADIO: ECCO COME CREARE LA VOSTRA WEB RADIO GRATIS

Il web, oggi, rappresenta quello che -in qualche modo- furono le radio libere degli anni '70.
Con i giusti passaggi, è infatti possibile sviluppare un proprio flusso di musica e notizie, tale da far invidia ai migliori network in circolazione.
Oggi chiunque, armato di pc, cuffie e microfono d'ordinanza, può trasmettere sia voce che musica direttamente da casa, oltre che (con le apposite app) anche in mobilità.
Ci penseranno quindi i social network, a diffondere la vostra programmazione.

Non è un caso, del resto, che addirittura testate internazionali si siano tuffate a pesce nel mondo delle web radio, come progetti paralleli e alternativi alla rotazione mediatica classica.
Un esempio per tutti è quello del Boston Globe, che già lo scorso anno ha lanciato una propria “radio station” con podcast, interviste e contenuti che difficilmente si sarebbero potuti reperire altrove.
Per completezza d'informazione, occorre dire che esistono vari servizi e piattaforme per creare una radio su internet, spesso anche gratuiti, ma con un archivio musicale limitato, altri a pagamento, che offrono lo spazio web dove caricare i brani musicali, facendosi altresì carico di corrispondere i diritti dovuti a produttori, case discografiche e agenzie del settore.
Ci si può anche affidare a piattaforme specifiche, tra le quali una delle più in voga è Radionomy: qui gli utenti possono creare da zero la propria stazione radio online, potendo scegliere all'interno della libreria musicale e dei contenuti messi a disposizione dal sito, oppure caricare la propria musica e la propria voce.
Radionomy si occupa da sola del broadcasting, dei diritti d'autore, della pubblicità e dello spazio di archiviazione dei brani musicali.
Dopodiché, nel caso il pubblico di una stazione web raggiunga certi livelli, Radionomy contatta l'utente per proporgli un vero e proprio contratto pubblicitario su introiti e ricavi.

Infine, Radionomy dispone anche di una app per iOS ed una per Android, entrambe utilizzabili per diffondere i contenuti mentre si è in giro (interviste live, eventi, ad esclusione dei concerti dal vivo coperti da copyright).
Altra buona scelta, per iniziare la vostra promettente carriera di web-deejay, potrebbe essere quella di affidarsi a Caster.fm.
Anche in questo caso è sufficiente registrarsi al servizio, ed è subito avviata la vostra web radio: trasmette in streaming da una pagina web personale, nella quale è possibile inserire elementi social e i podcast delle trasmissioni precedenti.

Non appena attivato l'account, si potrà impostare il server dal quale dovrà trasmettere la radio.
E' possibile, inoltre, inserire il modulo della web radio in qualsiasi sito web, visto che esiste la possibilità di copiare il codice embedded della stazione.
Un'ultima dritta è, infine, quella di affidarsi, per la diffusione dei vostri programmi radiofonici, a Live 365, un network di oltre 10.000 stazioni radio online.

Le singole emittenti pagano un canone mensile, sia per l'hosting dei propri file mp3, che per l'uso delle infrastrutture della rete stessa, che comprendono parecchie funzionalità: streaming, caricamento dei propri brani, codice per embeddare il lettore web, licenze musicali e monetizzazione.
Il canone richiesto da Live 365 varia dai 9,95 dollari al mese per un account di base, agli 84,95 dollari mensili per l'utilizzo di funzioni avanzate.
Ed ora: buona trasmissione a tutti!